You are in:

Perché studiare a Lecco

Offerta formativa unica

I corsi attivi presso il Polo di Lecco sono un’articolata opportunità didattica unica nel panorama Politecnico. Ciascun percorso formativo è stato pensato per rispondere alle caratteristiche del territorio e alle richieste specifiche del mondo lavorativo. I dati occupazionali dei laureati presso il Polo di Lecco rivelano che l'89% trova lavoro a meno di due mesi dalla laurea.

Dati occupazionali degli studenti del Polo di Lecco

pdf Scheda-occupazionale.pdf (516.06 KB) - Indagine occupazionale - Edizione 2014

Internazionalizzazione

Il Polo di Lecco è uno dei poli internazionali del Politecnico di Milano. Dal 2006 le lauree magistrali, erogate in lingua inglese, hanno favorito la crescita di una nutrita comunità internazionale di studenti. Nei primi sette anni di sperimentazione, sono stati coinvolti complessivamente oltre 621 studenti provenienti da tutto il mondo.

Oggi la componente straniera che vive e studia in città è circa il 25% dell'intera popolazione studentesca che ammonta a più di 1600 iscritti. Il trend di crescita degli ultimi anni fa presagire un aumento costante nel prossimo futuro.

L'ambiente multietnico che ne deriva consente di approfondire la conoscenza dell’inglese e arricchire il proprio curriculum sia attraverso le lezioni in lingua sia tramite la frequentazione di studenti internazionali.

Un nuovo Campus in stile anglosassone

Il Polo di Lecco, grazie ad un'azione sinergica con il territorio, dispone di un nuovo campus universitario: 40.000 m2 dedicati a didattica, ricerca e servizi per gli studenti.

Tutto questo si traduce in aule moderne e attrezzate per la didattica innovativa, laboratori di ricerca all'avanguardia e spazi vivibili per gli studenti che all'interno del campus vivono e studiano.

Sull'esempio dei campus anglosassoni la fase che ha completato questo importante intervento edilizio è stata la realizzazione della residenze universitarie "Adolf Loos": 204 posti letto per accogliere gli studenti fuori sede e internazionali.